Singapore

Singapore è sicuramente uno dei maggiori centri finanziari internazionali, in quanto gode di un sistema fiscale favorevole ideale per realizzazione di investimenti offshore.

Ricordiamo che questo paese anche se negli ultimi anni ha ratificato vari trattati internazionali, tra cui quello contro la doppia imposizione dei redditi con l’Italia, è ancora oggi inserito nella Black List, in quanto non coopera, in termini di trasparenza bancaria, con le autorità internazionali.

Capitale Singapore
Lingua Inglese, cinese mandarino, maltese e tamil
Moneta Dollaro di Singapore
Forma Istituzionale Repubblica Presidenziale
Imposte principali

Tassazione a Singapore

Imposta sul reddito persone fisiche

Concorrono a formare la base imponibile per l’applicazione della tassazione sui redditi delle persone fisiche tutti gli introiti derivanti da fonte interna. Sono invece esenti da questo tributo i redditi di attività estere, eredità e gli interessi maturati da istituti di credito riconosciuti.
Ai fini fiscali è molto importante la qualifica di soggetto residente, in quanto permette di godere di alcuni favori non concessi ai non residenti.
Con tale termine si identificano quei soggetti che per almeno 183 giorni lavorano o risiedono stabilmente a Singapore.
Il reddito imponibile, più nel dettaglio, si calcola sottraendo dalla somma di tutti i guadagni soggetti a tassazione, le spese di gestione se ci riferiamo ad un lavoro autonomo, oppure i trasporti e lo zakat se ad un lavoratore dipendente.

Per i contribuenti residenti è adottato il seguente sistema di aliquote a scaglione:

Reddito imponibile (dollari di Singapore) Aliquota
Da 0 a 20.000 0%
Da 20.000 a 30.000 2%
Da 30.000 a 40.000 3,5%
Da 40.000 a 80.000 7%
Da 80.000 a 120.000 11,05%
Da 120.000 a 160.000 15%
Da 160.000 a 200.000 17%
Da 200.000 a 320.000 18%
Oltre i 320.000 20%

Ai contribuenti non residenti, invece, verrà applicata la soluzione meno favorevole tra l’imposta fissa del 15% o lo schema a scaglioni previsto per i residenti.
Per favorire l’afflusso di capitale estero è stata introdotta nell’ordinamento di Singapore la figura del soggetto non ordinariamente residente: questo status permette di accedere ad una serie di sgravi fiscali anche a coloro che non sono soddisfano i requisiti previsti per la residenza.

Tassa sul reddito delle società

Questo tributo si concentra sulle liquidità ricavate sia fonte interna che estera percepite a Singapore. È doveroso evidenziare che sono comunque esenti i redditi esteri tassati per almeno il 15% nel paese si origine.
Non riscontriamo regole di thin capitalization e le perdite di un esercizio possono essere portate in avanti senza alcun limite temporale.

Tra gli strumenti adottati dalle autorità di questo paese per favorire la nascita di società offshore riscontriamo:

  • Regional and International Headquarter Award: che prevede un sistema di fiscale vantaggioso in favore delle società che stabiliscono il proprio centro decisionale a Singapore.
  • Pioneer Incentive: garantisce 15 anni di esenzione totale sull’imposta sui redditi per coloro che stabiliscono in questa giurisdizione la propria produzione industriale.
  • Approved Royalties Incentive: esenzione delle royalties pagate ai non residenti.

Ecco tutte le aliquote applicate in relazione alle varie categorie di reddito:

Categorie Aliquota
Interessi 15%
Royalties 10%
Compenso Amministratore 20%
Dividendi 0%
Assistenza tecnica e servizi 17%
Affitto beni mobili 15%

Imposta sul Valore Aggiunto

L’aliquota ordinaria riferita alle importazioni ed alla vendita dei beni e servizi è pari al 7%. I prodotti esportati sono invece esentati dall’applicazione di questo tributo.

Imposta proprietà immobiliare

Sui proprietari degli immobili grava la seguente imposta:

Valore immobile (dollari di Singapore) Aliquota
Da 0 a 6.000 0%
Da 6.000 a 65.000 4%
Oltre 65.000 6%